Visite – Torino

TORINO

Adagiata fra pianura e collina e circondata dalle Alpi, Torino Ã¨ una delle più belle città d’Italia e uno dei poli economici più importanti del paese. Cuore, per secoli, del Regno dei Savoia, Torino è stata teatro e centro propulsore dell’Unità nazionale, oltreché prima Capitale del Regno d’Italia.

Museo del Cinema

Il Museo del Cinema di Torino Ã¨ un museo del tutto particolare. Innanzitutto è ospitato all’interno dell’affascinante e misteriosa Mole Antonelliana, il simbolo della Città di Torino, ma anche l’edificio più alto d’Italia. In secondo luogo, ha un allestimento espositivo spettacolare che espone il visitatore a continui stimoli visivi e uditivi: sembra quasi di assistere alla proiezione di un film.
Insieme al Museo Egizio di Torino Ã¨ sicuramente una delle visite obbligate da fare nel capoluogo piemontese.

Museo Egizio

Il Museo Egizio di Torino è una delle attrazioni più prestigiose per quanto riguarda l’arte egiziana: non a caso, dopo il Museo del Cairo, quello di Torino è il secondo al mondo per importanza e quantità di reperti esposti. Se avete deciso di visitare Torino, non potete di certo perdervi una puntata in questo tempio della storia egizia: mummie, sarcofagi, oggetti d’artigianato, reperti archeologici, iscrizioni, qui tutto è studiato per darvi l’impressione di entrare nell’antico Egitto, regno di faraoni, dei e dee, misteri e piramidi.

Mole Antonelliana

Simbolo della città e ardita costruzione, fu iniziata nel 1862 da Alessandro Antonelli come tempio israelitico; dopo una sospensione, i lavori ripresero nel 1878 con la costruzione sopra la volta di una camera di granito, su cui poggiano una lanterna a due piani e quindi un cono altissimo che trasforma la pianta da quadrata in circolare.
Completa l’ormai altissima guglia una serie di elementi conici e cilindrici, conclusi da una cuspide di forma piramidale a base ottagonale, realizzata poi in due parti.
Un genio alato sulla guglia conclude l’opera nel 1889, quando la direzione del cantiere è passata a Costanzo Antonelli, figlio del defunto architetto.
La Mole, con i suoi 163,35 metri di altezza, è il più alto edificio in muratura del mondo.
Nell’agosto 1904 un uragano rovescia la statua, sostituita da un stella, e nel 1953 un temporale abbatte oltre quaranta metri di cuspide, sostituita nel 1958-1961 da una struttura metallica rivestita in pietra, rafforzando così anche le strutture inferiori.
All’interno un’aula a pianta quadrata è coperta da una volta a padiglione nervata; all’esterno i quattro fronti assumono una configurazione omogenea.
Un ascensore panoramico conduce al tempietto sotto la guglia, da cui si gode un bellissimo panorama della città e delle montagne circostanti.

Residenze Sabaude

Luogo simbolo del potere dei Savoia, nel cuore di Torino, il Palazzo Reale fu progettato dal Castellamonte, con la sua facciata seicentesca e gli ambienti interni riccamente decorati. Poco distante Palazzo Madama deve il suo nome alle Madame Reali Cristina di Francia e Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours, che promossero la costruzione dello scalone e dell’elegante facciata, opera di Filippo Juvarra.

C’è poi il barocco Palazzo Carignano, dove nacquero Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II e che fu sede del primo Parlamento italiano. Lungo le sponde del Po è possibile visitare il Castello del Valentino, dallo stile spiccatamente francese, oggi sede universitaria. Arroccata su una collina da cui guarda tutta la città, c’è poi la Villa della Regina, con i suoi dipinti del Seicento e del Settecento, gli arredi originali d’epoca e l’enorme giardino.

Parte della “corona della delizie” sono il Castello di Rivoli, nato come roccaforte militare e oggi sede del Museo di Arte Contemporanea e la Reggia di Venaria, ex residenza di caccia, da molti definita la "Versailles" sabauda, dove è possibile visitare il Salone di Diana, la Galleria Grande, la Cappella di Sant’Uberto e i monumentali giardini. Poco lontano c’è il Borgo Castello de La Mandria, zona che oggi ospita un grande parco naturale.

Non sono da meno la Palazzina di caccia di Stupinigi, progettata da Filippo Juvarra sul modello mitteleuropeo, che fu luogo di feste e sfarzi e residenza di Napoleone a inizio Ottocento, e il Castello di Moncalieri, una delle più antiche residenze, costruito nel Medioevo a scopi difensivi e convertito a vita di corte dai Savoia.

Completano il quadro splendidi luoghi di villeggiatura: il Castello di Agliè, in provincia di Torino, con le sue trecento stanze riccamente decorate; il Castello di Racconigi, in provincia di Cuneo, con il suo parco di grande interesse naturalistico; il Castello di Govone (CN), che fu residenza estiva dei Savoia e che conserva, fra le sue particolarità, il giardino settecentesco e i trompe-l’oeil di ispirazione mitologica del Salone d’onore e, infine, la Tenuta di Pollenzo (CN), in stile neogotico, che fu luogo di produzione di vini.